È arrivato il secondo numero di efemera, e si parla di acerbitudine. Dopo la spumeggiante presentazione di domenica, è tempo di procurarsi la copia anche per quelli che non hanno potuto averla in anteprima.

I racconti forse li avete anche già letti online, ma se ve ne siete perso qualcuno è chiaro che vi serve il numero completo qua sotto. E se invece li avete letti tutti significa che vi sono piaciuti tanto che dovete avere il numero completo qua sotto.

Copertina del secondo numero di efemera, testo rosso e fata a forma di pera in primo piano

Chi ci trovate dentro? Beh, in porta Marino. Poi Franco e Battaglino, supportati da Manfrin che orchestra. Seguono Poli, Finardi e Tuveri, che danno corpo e sostanza, per concludere con Esposito e Morozzi a finalizzare. In panchina? Ma efemera, naturalmente.

Come sempre, ci piacerebbe che venissero acquistate più copie possibile, perché è un modo per sostenerci e perché è un piccolo attestato di stima: da qui potete ordinare le copie cartacee o digitali:

Se siete a Milano, Bologna o Napoli, potete acquistare le copie direttamente in libreria, vi chiediamo solo un po’ di pazienza per farle arrivare:

E anche stavolta è possibile scaricare la copia gratuitamente:

Infine, se il progetto e la rivista vi piacciono, lasciateci un like: efemera apprezza le condivisioni!